Home Road Safety in the World Cos’è la giornata Mondiale in Memoria delle vittime della strada

Cos’è la giornata Mondiale in Memoria delle vittime della strada

151
0

La Giornata Mondiale del Ricordo delle Vittime della Strada viene commemorata la terza domenica di novembre di ogni anno per ricordare i milioni di morti e feriti sulle strade del mondo, le loro famiglie e molti altri che indirettamente sono colpiti.
La Giornata Mondiale ha una lunga storia:
• Dal 1995 le organizzazioni delle vittime strada sotto l’egida della Federazione Europea delle Vittime della Strada (FEVR) hanno commemorato questo giorno insieme – prima come Giornata europea della memoria, ma subito dopo come Giornata Mondiale al momento della adesione delle ONG provenienti da Africa, Sud America e Asia insieme. L’iniziativa è nata da RoadPeace, un’organizzazione membro della FEVR nel Regno Unito.
• 10 anni dopo – il 26 ottobre 2005 – la Giornata Mondiale è stata adottata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite come “il riconoscimento adeguato per le vittime di incidenti stradali e le loro famiglie”. Da allora la Giornata Mondiale è stata commemorata in tutti i continenti – non solo da parte delle ONG che sostengono la sicurezza stradale e le vittime della strada, ma anche da parte dei Governi e altre parti interessate.

Nel 2015 si celebra il 20° anniversario della commemorazione della Giornata Mondiale a livello internazionale e il 10° anniversario della sua adozione da parte delle Nazioni Unite.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), impegnata dalle Nazioni Unite come Coordinatore per affrontare la crisi globale della sicurezza stradale’ nel 2004, continua a promuovere il riconoscimento in tutto il mondo della Giornata Mondiale. L’OMS ha anche pubblicato una guida per gli organizzatori di eventi della Giornata Mondiale scritto congiuntamente da OMS, FEVR e RoadPeace: http://www.who.int/violence_injury_prevention/road_traffic/activities/remembrance_day_handbook/en/index.html
Etienne Krug, Direttore del Dipartimento per la violenza e la prevenzione degli infortuni dell’OMS e il segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon hanno rilasciato comunicati per la Giornata Mondiale fin dal 2005.
Per collegarsi ai messaggi/comunicati del 2014:
http://www.who.int/roadsafety/remembrance_day/statement_2014/en/
http://www.un.org/en/roadsafety/remembrance.shtml

I politici in molti Paesi hanno già espresso il loro sostegno per la Giornata Mondiale in molti modi diversi. Questo supporto è diventato pressione per le vittime e la sicurezza stradale advocata da ONG.
Su due continenti – Europa e Africa – sono state adottate le risoluzioni per osservare la Giornata Mondiale nel 2011:
• il Parlamento europeo: il punto 12 su http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+TA+P7-TA-2011-0408+0+DOC+XML+V0//EN) (in tutte le lingue)
• la Conferenza dei ministri africani dei Trasporti: il punto 5, pagina 5 su http://au.int/en/dp/ie/sites/default/files/AU-TPT-MIN-Decl-LUANDA-EN.pdf

Morti e feriti da incidenti stradali sono eventi improvvisi, violenti, traumatici. Il loro impatto è di lunga durata, spesso permanente. Ogni anno, milioni di nuove persone ferite e vittime provenienti da ogni angolo del mondo si aggiungono alle innumerevoli milioni di persone che già soffrono.
Il dolore e angoscia vissuta da questo enorme numero di persone che è tanto più grande dato che molte delle vittime sono giovani, perché molti degli incidenti potevano e dovevano essere evitati e perché la risposta dei governi e della società rispetto alla morte ed alle lesioni da incidenti stradali, è spesso inadeguata, non empatica e inadeguata rispetto ad una perdita della vita o della qualità della vita.
Questa speciale Giornata della Memoria è quindi destinata a rispondere al grande bisogno delle vittime di incidenti stradali per il riconoscimento pubblico della loro perdita e sofferenza.
E ‘diventato anche uno strumento importante per i governi e per coloro che lavorano per impedire gli incidenti o rispondere alle conseguenze, in quanto offre l’opportunità di dimostrare l’enorme portata e l’impatto della morte su strada, del pregiudizio e l’urgenza di un’azione.
Molti vari eventi commemorativi si svolgono nella giornata mondiale o nei giorni prima o dopo, come dimostrano questi esempi:
Africa Nigeria: talk show radiofonici, sfilata di autobus; Kenya: carovana sulla sicurezza stradale attraverso le città; Benin: passeggiate di cortei per infondere consapevolezza, concerti, posa di corona; Uganda: discussioni pubbliche e servizi commemorativi; Egitto: le sessioni di advocacy nelle scuole; Tanzania: preghiere e discorsi multi-religiosi; Camerun: esposizione di corone sui posti degli incidenti.
Asia India: conferenze sulle indagini e la giustizia; Filippine: passeggiate memorial; Indonesia un mese di attività; Giappone: a lume di candela veglie e incontri in 7 città; Libano: piantumazione di alberi in un giardino del ricordo; Vietnam: servizio di requiem con 15.000 partecipanti; Cina: le attività a scuola; Turchia: inaugurazione del monumento alle vittime;
Sud America Messico: concorso fotografico; Guyana: inaugurazione del muro ricordo; Brasile: inaugurazione della foresta della vita; Uruguay: la pubblicazione di testimonianze delle vittime di incidenti;
Nord America Canada: conferenza; Antigua: presentazione buoni pasto per le vittime;
Oceania Australia: servizio di ricordo; Nuova Zelanda: visualizzazione di croci
In Europa, dove si era avviato ad osservare la Giornata Mondiale, la maggior parte dei Paesi stanno ora partecipando: Croazia, Irlanda, Slovenia, Regno Unito, Lussemburgo, Belgio, Romania, Grecia, Spagna, Portogallo, Polonia, Germania Svizzera, Italia, Serbia, Olanda, Lituania, Ucraina, Bulgaria, Moldavia, Francia
Un sito web dedicato, creato e amministrato da FEVR, fornisce esempi di commemorazioni e pubblicazioni del passato. Offre anche la possibilità di collegare i Paesi e le persone attraverso la condivisione di obiettivi comuni, il ricordo di morti e feriti in incidenti: http://www.worlddayofremembrance.org

CONDIVIDI
Ideatrice e curatrice sito Giornata Mondiale della Memoria delle Vittime Già Presidente Federazione Europea Vittime della Strada Fondatrice e Presidente Road Peace

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here